Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Camera di Commercio di Avellino
AREA RISERVATA

Homepage > Diritto annuale
  
facebook Camera twitter Camera Invia ad un amico Stampa questa pagina

Diritto annuale 2019

DIRITTO ANNUALE 2019

Importi

Per l'anno 2019 sono stati confermati gli importi del diritto annuale 2018 (Nota MISE 432856 del 21/12/2018) e nello specifico:

IMPRESE CHE PAGANO IN MISURA FISSASEDE      UL
Imprese individuali iscritte o annotate nella sezione speciale (piccoli imprenditori, artigiani, coltivatori diretti e imprenditori agricoli)€     44,00€    9,00
Imprese individuali iscritte nella sezione ordinaria€    100,00                       €   20,00
Imprese iscritte in sezione ordinaria (1)€    100,00€   20,00
Societ tra avvocati (2)                          €    100,00€   20,00
Societ semplici agricole -iscritte Sez.Speciale (3)€      50,00€   10,00
UL/Sede secondaria di impresa con sede principale all'estero                           €       55,00
Soggetti iscritti al REA (4)€      15,00      ----

1 - IMPRESE IN SEZIONE ORDINARIA: tutte le SOCIETA’ DI CAPITALE (compresi CONSORZI, e COOPERATIVE,) e le SOCIETA’ DI PERSONE escluse le societ semplici.

2 - SOCIETA’ TRA AVVOCATI: societ di cui al comma 2, art. 16 del D.lgs. n. 96 del 2 febbraio 2001.

3 - SOCIETA’ SEMPLICI AGRICOLE: societ semplici iscritte anche nella sezione speciale IMPRESE AGRICOLE.

4 - ONLY REA: soggetti iscritti solo al REA (Repertorio Economico Amministrativo) e non anche al Registro Imprese, quali PERSONE FISICHE, ASSOCIAZIONI, FONDAZIONI, ecc. Tali soggetti, a differenza di tutti gli altri, non sono tenuti al pagamento per le eventuali unit locali oltre la sede.

Le imprese iscritte nella Sezione Ordinaria del Registro Imprese con fatturato superiore a €100.000,00 (escluse le imprese individuali che pagano comunque il diritto in misura fissa), devono versare in funzione del fatturato ai fini IRAP realizzato nell’anno precedente (*), con l’applicazione delle ulteriori aliquote oltre il primo scaglione; pertanto, il diritto da versare si determina sommando gli importi dovuti per ciascun scaglione, considerando la misura fissa e le aliquote per tutti i successivi scaglioni fino a quello nel quale rientra il fatturato complessivo realizzato dall’impresa:

      Scaglioni di fatturato

  da   €  …                 a   € …

 

 

 

            Importo dovuto per la sede (**)

       0,00

 

     100.000,00

misura      fissa€ 200,00 
   100.000,01      250,000,00  0,015 % 
   250.000,01      500.000,00  0,013 % 
   500.000,01   1.000.000,00  0,010 % 
1.000.000,0110.000.000,00  0,009 % 
10.000.000,0135.000.000,00  0,005 % 
35.000.000,0150.000.000,00  0,003 % 
     Oltre50.000.000,00  0,001 % (fino ad un massimo di € 40.000,00) 
      

Sommando gli importi dovuti per ciascuno scaglione di fatturato con arrotondamento matematico al 5 decimale.

(*) Per l'individuazione dei righi del modello IRAP ai fini della definizione della base imponibile (fatturato) per il versamento del diritto annuale, la Nota di riferimento la n.19230 del 3/3/2009 del Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento Regolazione Mercato

(**) L'importo base risultante dal calcolo va ridotto del 50%.   

Modalit di pagamento   

Il diritto annuale deve essere versato con il modello unificato di pagamento F24 -sezione “IMU ED ALTRI TRIBUTI LOCALI”, utilizzando i seguenti codici:

Codice ente/codice comuneCodice tributoAnno riferimentoImporti a debito versati
AV38502019Importo da pagare

Oltre alla modalit di versamento con modello F24 possibile procedere al pagamento del diritto dovuto attraverso la piattaforma pagoPA, strumento che garantisce a privati e aziende di effettuare pagamenti elettronici alla PA in modo sicuro ed affidabile, semplice ed in totale trasparenza nei costi di commissione.

Termini per il pagamento 2019

La scadenza per pagare il diritto il 30 giugno; se tale data coincide con il sabato o un giorno festivo, prorogata al primo giorno lavorativo successivo.

Pertanto, le imprese che al 1 gennaio 2019 sono gi iscritte o annotate nel Registro delle Imprese e i soggetti iscritti nel REA (Repertorio Economico Amministrativo) devono versare il diritto annuale 2019 alla Camera di Commercio, entro l'anzidetto termine ordinario del 30 GIUGNO 2019 (che, cadendo di domenica, slitta al 1 luglio).

Entro il 30 giorno successivo al termine ordinario suddetto, comunque possibile effettuare il versamento maggiorando l’importo dello0,40% (con arrotondamento al centesimo di euro) a titolo di interesse corrispettivo.

Oltre tale termine, si pu ancora sanare spontaneamente la violazione beneficiando di riduzioni automatiche sulle misure minime delle sanzioni applicabili, avvalendosi del cosiddetto ravvedimento operoso entro un anno dalla scadenza ordinaria del termine.

Le nuove iscrizioni che avvengono nel 2019, sia di sede d'impresa che di unit locale, sono tenute al versamento del diritto al momento dell'iscrizione o entro 30 giorni dalla data del protocollo telematico di richiesta di iscrizione.

DIRITTO ANNUALE 2018

Come comunicato dal Ministero dello Sviluppo Economico con nota in data 16/01/2018, si avvisa che gli importi relativi al versamento del Diritto Annuale relativo al 2018 restano invariati rispetto al 2017.

NOTA MISE

 

Per l'anno 2018 sono stati confermati gli importi del diritto annuale 2017 (Nota MISE 26505 del 16/01/2018) e nello specifico possibile scaricare il file con tutte le indicazioni cliccando qui

 

Le imprese che al 1 gennaio 2018 sono gi iscritte o annotate nel Registro delle Imprese e i soggetti iscritti nel REA (Repertorio Economico Amministrativo) devono versare il diritto annuale 2018 alla Camera di Commercio, entro il termine ordinario del 30 GIUGNO 2018 (che, cadendo di sabato, slitta al 2 luglio).

Entro il 30 giorno successivo al termine ordinario suddetto, comunque possibile effettuare il versamento maggiorando l’importo dello0,40% (con arrotondamento al centesimo di euro) a titolo di interesse corrispettivo.

Le nuove iscrizioni che avvengono nel 2018, sia di sede d'impresa che di unit locale, sono tenute al versamento del diritto al momento dell'iscrizione o entro 30 giorni dalla data del protocollo telematico di richiesta di iscrizione.

Griglia calcolo diritto annuale 2017

Griglia di calcolo per d.a. 2017 dovuto da imprese con fatturato superiore a 100.000 euro.

 

Scarica griglia di calcolo

NB. Il file, in formato excel, contiene macro. necessario abilitare le macro per un corretto utilizzo.

Diritto annuale

Il diritto annuale il tributo che ogni impresa, iscritta o annotata nel Registro delle imprese, tenuta a versare alla Camera di Commercio di riferimento (art. 18 della legge n. 580/1993 e successive modifiche).
Se l'impresa o la societ, oltre alla sede principale, ha sedi secondarie nella stessa provincia o altrove, dovuto un pagamento a ciascuna Camera competente per territorio. La stessa regola si applica alle imprese con sede legale all'estero e dislocamenti in Italia. Per questi ultimi il tributo dovuto a ciascuna Camera della provincia in cui ubicata la sede .

Regolamento per l'accertamento, la riscossione e la liquidazione del diritto annuale, approvato con deliberazione n.6 del Consiglio camerale nella seduta del 28 aprile 2011.


Regolamento diritto annuale

Scadenza del pagamento

Il termine per il pagamento del diritto coincide con quello per il pagamento del primo acconto delle imposte sui redditi (termine 30 giugno 2017).

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO F24

Nell’intestazione del Mod. F24, oltre agli altri dati dell’impresa, importante riportare il codice fiscale (non la partita IVA, qualora diversa) indicato nell’intestazione della presente comunicazione, in quanto il dato che consente l’attribuzione del pagamento all’impresa.

Nella sezione “IMU ED ALTRI TRIBUTI LOCALI” si deve indicare:

Codice ente/codice comuneCodice tributoAnno riferimentoImporti a debito versati
AV38502017Importo da pagare

Se l’impresa esercita l’attivit economica attraverso unit locali o sedi secondarie in altre province, si deve altres indicare sul Mod. F24, alla voce “codice ente/codice comune”, la sigla della provincia della Camera di Commercio in cui ubicata l’unit locale o la sede secondaria.

L’impresa che ha trasferito la propria sede da una provincia ad un’altra, deve pagare solo a favore della Camera di Commercio dove era iscritta alla data del 1 gennaio 2017.

Istanze di cancellazione e risvolti sul diritto annuale

La Normativa in materia di deposito degli atti al Registro delle imprese, non richiede per le societ in genere un termine entro il quale richiedere la cancellazione al Registro delle imprese ma, ai fini del pagamento del diritto annuale, la data dell’istanza di cancellazione, diventa rilevante.

A tal fine si ritiene utile  rendere disponibile il seguente documento con le modalit operative per le imprese che sono in fase di liquidazione.

Modalit Operative Cancellazioni

Informazioni

Per informazioni: Franca Miano 0825.694.251 franca.miano@av.camcom.it - dalle ore 12.00